Giustizia: perseguire furti e droga per prevenire gli stupri

September 8, 2017

 

Si può fare qualcosa di più rispetto a quanto operato negli ultimi anni? Non è facile controllare di notte un litorale lungo e profondo come quello di Rimini. Tempo fa la prefettura della città promosse la sottoscrizione di un protocollo fra i gestori dei lidi, gli istituti di vigilanza privata e le forze di polizia, che ha prodotto ricadute positive in termini di prevenzione. Il meccanismo tollera miglioramenti: le telecamere della videosorveglianza vanno moltiplicate, magari collegandole con le centrali operative delle forze di polizia, per consentire un controllo a distanza reale ed efficace; l’incremento degli agenti della vigilanza privata, che comunque indossano una divisa riconoscibile, può scoraggiare la ricerca del luogo nascosto nel quale delinquere; e così pure una illuminazione più estesa.

E però: la non punibilità del possesso di droga quando se ne presume l’uso personale – i quantitativi che ricevono tale qualifica non sono necessariamente limitati – impedisce di bloccare soggetti per i quali lo stupefacente scatena impulsi criminali; la irrilevanza di fatto conferita al furto, reato quasi sempre tollerato, fa venir meno un primo filtro (lo ricordava qualche giorno fa il procuratore della Repubblica di Rimini); le lungaggini dell’esame delle domande di asilo fanno liberamente circolare soggetti che invece andrebbero espulsi.

Non di sola tecnica vive la prevenzione, ma di leggi e di prassi più sagge di quelle correnti.

(Pubblicato il 4 settembre 2017 sul sito di Alleanza Cattolica)

Please reload

Post in evidenza

I'm busy working on my blog posts. Watch this space!

Please reload

Post recenti
Please reload

Archivio
Please reload

Cerca per tag